W3C SITE VERSION
Confederazione Svizzera - UFSPO Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero
Ufficio dello sport Zugo
spaziatore
 
 
spaziatore

Il campo di Zugo: posti esauriti in sei ore

Ogni estate dal 1967, il CST accoglie il campo di Zugo. Beat Friedli, vice direttore dell’Ufficio dello sport del Cantone di Zugo racconta questa storia di successo che dura ormai da quasi 50 anni.

 

Si è appena conclusa la 48a edizione del campo dell’Ufficio dello sport del Cantone di Zugo. Ci parli degli inizi.

Il nostro primo campo a Tenero ebbe luogo per la prima volta nel 1967, ovvero cinque anni prima che fosse introdotto Gioventù + Sport:  all’epoca si iscrissero 100 ragazze per la modica cifra di 60 franchi. L’entusiasmo di queste ragazze, che ottennero delle prestazioni sportive straordinarie,  si diffuse in un batter d’occhio. L’anno successivo le iscritte furono 200: fu l’inizio di questa lunga storia di successo. I ragazzi si ingelosirono subito, ma dovettero aspettare fino al 1977 per poter partecipare al primo campo dedicato solo a loro.

 

Come si è evoluto il tasso di partecipazione? Il campo ha sempre avuto tutto questo successo?

Sì, il campo suscita sempre molto entusiasmo. È possibile iscriversi on line dall’inizio di febbraio; quest’anno ad esempio tutti i posti sono stati esauriti in appena sei ore.

 

Quali obiettivi volete raggiungere con questo campo?

Vogliamo dare la possibilità ai giovani di scoprire discipline sportive diverse e di vivere una bella avventura che possa trasmettere loro la voglia di muoversi e di partecipare a campi per tutta la loro vita.

 

Proponete attività particolari ? I collaboratori del CST dicono che siete gli inventori del «calcio balilla umano per bambini»…

Nel 2006, per celebrare il 40° anniversario del nostro campo a Tenero, abbiamo regalato al CST un calcio balilla umano per bambini finanziato da donazioni degli abitanti di Zugo. Ogni anno portiamo la nostra pista di spinta per bob e le nostre «ruote di Röhn», sperando che un giorno ce ne siano di disponibili nel centro.

 

Sistemate i partecipanti in un camping e siete voi a cucinare. Che atmosfera regna tra i partecipanti?

Regna un’atmosfera positiva e la vita di comunità sotto la tenda riserva sempre delle sorprese: pioggia, caldo, canzoni e momenti di condivisione nelle tende più grandi.

Perché questo tipo di campo possa riuscire – senza dimenticare che in ogni campo ci sono gruppi di 130 ragazze o ragazzi – occorre una squadra di cuochi in grado di preparare piatti veloci e gustosi adatti a sportivi e una squadra di monitori unita e ben collaudata.

 

Oltre al campo, l’Ufficio organizza un fine settimana per le famiglie. Quali sono i motivi che vi spingono a offrire questo fine settimana e quale esperienza avete fatto finora?

Da molti anni ormai organizzo una serata per genitori prima del campo e una serata video dopo il campo. Queste serate sono molto apprezzate e già più volte i genitori hanno espresso il desiderio di partecipare in prima persona a un campo al CST. La prima volta hanno risposto positivamente all’invito quattro famiglie e oggi siamo al completo con più di dieci famiglie. Ogni volta abbiamo avuto riscontri sempre molto positivi.

 

È la 48a volta che è stato a Tenero. Si può dire che è soddisfatto dei servizi del CST?

La collaborazione con i coordinatori, il team responsabile del materiale sportivo e l’amministrazione è sempre molto piacevole. Tutti sono sempre disponibili e molto simpatici. Sono invece le disposizioni di G+S a essere diventate più vincolanti. Per fare un’arrampicata su muri artificiali ormai è indispensabile la presenza di un monitore G+S che disponga della relativa formazione. Nella mia squadra ho degli insegnanti di educazione fisica che fanno regolarmente scalate in palestra con i propri allievi durante la lezione e mi dispiace non poter ricorrere a loro che hanno comunque già effettuato tutte le prove necessarie.

 

Intervista: Kurt Henauer

spaziatore

© CST – Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero – Contact – CreditsRegular versionW3C versionPrint version – Last page update: 04.08.2014

Ufficio federale dello sport UFSPO – 2532 Macolin