W3C SITE VERSION
Confederazione Svizzera - UFSPO Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero
Mauro Giussani
spaziatore
spaziatore

Mauro Giussani: «Per questi ragazzi Tenero è un luogo di formazione sportiva, scolastica e sociale» 

 

Dal 2013 è il responsabile della Credit Suisse Football Academy che ha sede al CST. Assieme ad altri quattro allenatori, Mauro Giussani allena giornalmente i 27 giovani talenti del Centro di preformazione.  

 

Ci descriva il profilo tipo del giovane calciatore del vostro centro di preformazione.

I nostri sono ragazzi di età compresa fra i 13 e i 15 anni, chiaramente con delle importanti doti calcistiche. La qualità è un requisito indispensabile. Molto importante è anche l’attitudine con cui viene vissuto questo percorso: il giovane calciatore tipo deve vedere nel calcio una passione e non un sacrificio. I ragazzi devono rendersi conto che la priorità non è lo sport ma bensì la scuola. Insisto molto su questo aspetto perché è il calcio a doversi adeguare alle altre scelte, e non viceversa. Purtroppo non tutti questi giovani talenti potranno fare del calcio una professione, è perciò importante concentrare i propri sforzi su un percorso formativo scolastico. Combinare impegni sportivi e scolastici è difficile ma non impossibile e questi ragazzi ce la mettono davvero tutta.

 

Che ruolo gioca il CST in questo particolare percorso formativo?

Tenero offre il massimo! Rispetto alle altre Academy in Svizzera, la nostra ha il vantaggio di trovarsi all’interno di un centro sportivo. Questo significa poter variare i tipi di allenamento passando dai campi sintetici a quelli naturali o addirittura usufruire di infrastrutture come la piscina e la sala fitness, garantendo una costante attività anche durante l’inverno. Al CST troviamo le condizioni perfette per degli allenamenti professionali. Molto importante è anche la collaborazione creatasi con le Scuole Medie di Gordola, dove i ragazzi studiano spostandosi dai campi alle aule in breve tempo. Inoltre seguono un piano orario che tiene conto dei loro allenamenti e di ore dedicate al recupero delle lezioni perse.

Per questi il CST Tenero è un luogo di formazione sportiva, scolastica e sociale.

 

All’interno di questo insieme formativo, il suo ruolo si limita a quello di allenatore?

Assolutamente no. È importante conoscersi a fondo, capire le diverse personalità presenti all’interno del gruppo e gli squilibri che ci possono essere. Da allenatore sfrutto queste conoscenze per perfezionare il gioco, ma fuori dal campo sostengo e incoraggio i ragazzi. Tutti assieme formiamo un gruppo molto unito e coeso, potremmo quasi definirci una grande famiglia.

 

Intervista: Cinzia Pedretti

Foto: Ralph Heksch

spaziatore

© CST – Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero – Contact – CreditsRegular versionW3C versionPrint version – Last page update: 30.05.2016

Ufficio federale dello sport UFSPO – 2532 Macolin