W3C SITE VERSION
Confederazione Svizzera - UFSPO Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero
Campi preolimpici
spaziatore
spaziatore

Prossima tappa Rio

 

Nella seconda metà di luglio il CST si tingerà nei colori carioca. Prima di volare a Rio quattro federazioni svolgeranno il loro campo preolimpico sulle rive del Lago Maggiore.

 

Non è una novità ma una gradita conferma: già nel 2012, prima dei giochi olimpici di Londra, alcune federazioni sportive hanno fatto capo alle strutture del CST per affinare la loro preparazione. «Viste le ottime esperienze, abbiamo proposto a Swiss Olympic di riproporre l’offerta», dice Steffen Liess, responsabile dello sport di prestazione al CST. «E l’adesione è stata immediata.» All’annuncio della federazione-mantello hanno risposto presente quattro federazioni nazionali: gli sport acquatici (nuoto e nuoto sincronizzato), atletica leggera, scherma e tiro con l’arco. «Il Centro Sportivo di Tenero è il luogo ideale per svolgere un campo preolimpico», afferma Liess. «E questo per varie ragioni. Una su tutte: il clima analogo che gli atleti incontreranno alla Baia di Guanabara.» 

spaziatore

« Siamo convinti del valore di un campo di preparazione comune e sappiamo che il CST offrirà alle federazioni sportive delle condizioni d’allenamento ottimali. Nel limite delle mie possibilità, farò una visita al campo preolimpico di Tenero.»

 

Ralph Stöckli — Capo della missione Rio 2016

spaziatore

Gli atleti si sentono ben accolti

«I nostri schermidori sono soliti affinare la preparazione al CST prima dei campionati del mondo,» confessa Sophie Lamon di Swiss Fencing. L’argento nella spada a squadre di Sydney 2000 motiva così questa consuetudine. «Il luogo, la qualità delle infrastrutture e delle prestazioni, il clima, l’accoglienza calorosa: per tutte queste ragioni noi amiamo venire qui. Gli atleti inoltre conoscono bene le infrastrutture e si sentono a casa loro.»

Per loro, come per gli altri, il CST mette a disposizione infrastrutture ideali e ottime condizioni di allenamento. «Cercheremo di ricreare lo spirito che contraddistingue i villaggi olimpici», promette Steffen Liess.

 

spaziatore

 

 

« Noi puntiamo alle medaglie.»

 

Sophie Lamon — Swiss Fencing

spaziatore

Curare i dettagli

Swiss Atlethics sarà presente con le velociste della staffetta 4x100 m. «Chiaramente ci concentreremo sulla finalizzazione della forma», afferma Peter Haas. «A questo proposito, sarà la qualità del lavoro a contare, non la quantità.» La collaborazione tra le velociste avrà un ruolo centrale in questo frangente. «Lavoreremo a fondo sui passaggi del testimone. Per essere ottimali, non è solo necessario che la velocità sia massima, ma anche che la precisione e la sincronizzazione siano assicurate.» In un certo senso è una questione di equilibrio tra il rischio e la sicurezza. «Questo lavoro necessita una grande fiducia tra gli atleti. Questa fiducia si raggiunge grazie alla pratica.»

spaziatore

 

« Le nostre possibilità sono concrete. Più di un atleta ha il potenziale necessario per tornare con un diploma.»

 

Peter Haas — Swiss Athletics

spaziatore

Ricreare la magia olimpica

Ma il campo preolimpico non si nutre di soli allenamenti. Infatti vi saranno attività comuni e momenti di rigenerazione e svago. Peter Haas: «Tenero accoglie atleti che praticano differenti discipline olimpiche e offre la possibilità di fare conoscenza tra loro o di conoscersi meglio. Tutto questo in un ambiente dove la competizione non è onnipresente, contrariamente a ciò che sarà due settimane più tardi al villaggio olimpico di Rio.» L’incontro tra atleti provenienti da discipline diverse rende i campi preolimpici molto attrattivi. «Questa condivisione di esperienze è ciò che crea la magia dei giochi olimpici; è l’essenza stessa dell’olimpismo,» aggiunge Haas.

 

E gli obiettivi?

I nostri interlocutori sono ottimisti e lasciano intendere che il team svizzero ha buone possibilità di successo ai Giochi olimpici di Rio. «Noi puntiamo alle medaglie», afferma Sophie Lamon. Più sfumato il pronostico di Peter Haas: «Gli svizzeri fanno parlare di sé dai campionati del mondo di Zurigo nel 2014. Molti dei nostri atleti hanno attualmente delle ambizioni molto elevate nelle grandi competizioni internazionali come i campionati d’Europa, i campionati del mondo e i giochi olimpici. Il motto “l’importante è partecipare” ormai non gli basta più.» Peter Haas si augura che la squadra svizzera di atletica leggera parta per Rio sicura dei propri mezzi e con degli obiettivi ben precisi. «Le nostre possibilità sono concrete. Più di un atleta ha il potenziale necessario per tornare con un diploma.»

spaziatore

Contatto

 

Steffen Liess

Responsabile sport di prestazione

E-mail

Tel.: +41 58 468 61 76

spaziatore

© CST – Centro sportivo nazionale della gioventù Tenero – Contact – CreditsRegular versionW3C versionPrint version – Last page update: 11.07.2016

Ufficio federale dello sport UFSPO – 2532 Macolin